Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Indice degli argomenti

PCpercaso.com :: MediaCoder - Conversioni audio e video di qualitàMediaCoder è un convertitore universale gratuito di formati multimediali in grado di soddisfare anche gli utenti più esperti. La molteplicità di encoder utilizzati ed una pratica interfaccia per le accurate impostazioni di codifica fanno di MediaCoder un apprezzato e versatile strumento per ottenere conversioni di qualità tra i numerosi formati audio e video utilizzati nell'home theatre, computer, console videogame e nella varietà di dispositivi mobili quali telefonini, smartphone, tablet, etc.

Esploriamo le caratteristiche di MediaCoder ed eseguiamo la conversione di una registrazione TV dal formato MPEG-2 TS in Xvid.

Le applicazioni di MediaCoder coprono ogni esigenza di gestione dei formati multimediali. Dalla semplice estrazione delle tracce audio da CD musicali o DVD video e la conversione in MP3 o altri formato audio, alla conversione di file audio/video in formati compressi per la riproduzione attraverso la varietà di dispositivi multimediali oppure per la pubblicazione on-line.

A differenza di software come il buon Quick Media Converter che abbiamo già discusso in "Quick Media Converter HD - Guida rapida alle funzioni di conversione dei formati video" e in "Quick Media Converter HD 4.5 - Nuova versione del convertitore universale audio/video basato su FFmpeg", MediaCoder consente una minuziosa configurazione dei parametri del processo di codifica per ciascuno degli encoder supportati.

Al primo impatto l'utente meno esperto potrebbe trovare difficile l'utilizzo di MediaCoder ma, grazie anche alla semplicità e funzionalità dell'interfaccia,  riuscirà in poco tempo a configurare al meglio ogni tipo di conversione tra i numerosi formati

Ogni configurazione delle impostazioni di codifica potrà essere salvata in un Preset per essere ripresa in qualsiasi momento per effettuare altre conversioni dello stesso tipo.

MediaCoder gestisce le accelerazioni hardware, il multithreading e la parallelizzazione dei job. Tutto ciò permette di ridurre i tempi di codifica a vantaggio della qualità dei risultati.

 

Installazione e Configurazione di MediaCoder

Nella pagina di download sono elencate le diverse edizioni disponibili di MediaCoder. Dalla versione completa (full version), alla versione per il ripping e la conversione audio, a quella specifica per i Flash Video in alta definizione H.264 e così via.

Clicchiamo sul link della versione completa (full version) - MediaCoder 2011 - (o versioni successive) e nella successiva pagina web scegliamo tra la versione a 32-bit e quella a 64-bit a seconda dell'architettura di Windows in uso al PC nel quale vogliamo installa MediaCoder. Infine, clicchiamo su uno dei link dei server disponibili per il download: Mirror #1, Mirror #2, etc.

Terminato il download, decomprimere il pacchetto ZIP e lanciare con un doppio-clic il file eseguibile di installazione. Poichè l'installer di MediaCoder utilizza la rete software OpenCandy, prima di completare la procedura guidata di installazione verrà proposto di installare anche dell'altro software tra quelli raccomandati dalla rete OpenCandy. Si potrà scegliere se installare o meno i software suggeriti tenendo presente, comunque, che essi nulla hanno a che vedere con il funzionamento di MediaCoder.

All'avvio di MediaCoder verrà mostrata la finestra benvenuto con due pulsanti: Start Now per avviare il programma oppure Config Wizard per avviare configurazione guidata di MediaCoder (MediaCoder Setup Wizard).

Attraverso i passi delle la Configurazione guidata si andranno a definire sia le impostazioni di utilizzo dell'hardware a disposizione (accelerazioni hardware supportate ed utilizzo del multithreading) che il formato ed i parametri del tipo di conversione video/audio predefinita. L'esecuzione della configurazione guidata non è indispensabile ma può essere utile ai meno esperti per ottenere le impostazioni di base per uno specifico tipo di codifica utilizzato.
In ogni caso, la configurazione guidata potrà essere avviata in qualsiasi momento dall'interfaccia di MediCoder cliccando sul pulsante WIZARD della barra degli strumenti, mentre dal pulsante SETTINGS si accede alla finestra di dialogo per la configurazione completa di ogni caratteristica e funzionalità di MediaCoder.

L'interfaccia grafica di MediaCoder, come già detto, è molto semplice e funzionale. In alto, insieme all'elenco dei job cioè degli elementi multimediali da sottoporre alla conversione, trova posto l'utilissimo riquadro delle proprietà audio/video del file selezionato.

PCpercaso.com :: MediaCoder - Interfaccia principale
MediaCoder - Interfaccia principale.
(clicca per ingrandire)


La conoscenza delle informazioni audio/video del file sorgente è di fondamentale importanza per ottenere una corretta conversione di formato. Ad esempio, per ottenere le giuste proporzioni dei fotogrammi, bisognerà impostare correttamente le dimensioni dei fotogrammi (SAR) e la proporzione del display (DAR) a partire da quelle del formato video sorgente. A titolo di esempio, potete fare riferimento all'articolo "Kdenlive Tutorial #3: Dal formato MPEG-2 TS a XviD" nel quale abbiamo visto come impostare le corrette dimensioni per la conversione nel formato Xvid/DivX.

Al centro dell'interfaccia grafica sono situate le pratiche schede per le impostazione dei parametri di codifica video e audio. In particolare, sono presenti due gruppi di schede; nel primo gruppo, dopo la prima scheda Tasking, nella quale si impostano le caratteristiche di sistema del processo di codifica, in termini di priorità di elaborazione, utilizzo del multithreding (numero di core della CPU che si desidera allocare), cartella temporanea di lavoro, etc., seguono le schede per le impostazioni di formato Video, Audio, Contenitore, Fotogrammi (Picture), Suono, Demuxer, intervallo di Tempo, Sottotitoli, etc.

Il gruppo di schede a fianco, invece, è utilizzato per le configurazioni specifiche relative al processo di codifica, agli encoder video/audio assegnati nelle schede delle impostazioni di formato, agli effetti grafici dei fotogrammi, etc.

Così, selezionando una delle schede di impostazioni del primo gruppo sarà automaticamente attivata la corrispondente scheda di "dettaglio" del secondo gruppo. Una volta compreso l'utilizzo delle schede, il processo di configurazione della codifica diventa abbastanza semplice e rapido.