Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Ogni distribuzione GNU/Linux dispone di una discreta varietà di font. Spesso, però, soprattutto quando si utilizzano elaboratori di testo oppure applicativi desktop publishing o di grafica, diventa opportuno poter disporre di ulteriori set di caratteri.

Un insieme di font che si rileva particolarmente utile è il set standard di font Microsoft TrueType; non di rado, infatti ci capita di lavorare, ad esempio, in OpenOffice.org su documenti realizzati in Windows. Oppure, vi sarà capitato di visitare siti Web con uno stile grafico che fa uso principalmente dei font tipici dell'ambiente Windows.
In tutti quei casi in cui il font non è disponibile nel sistema, Linux lo sostituisce con uno equivalente.
Per poter disporre in Linux del set standard di font Microsoft TrueType bisogna installare il pacchetto Microsoft True Type Core Fonts ttf-mscorefonts-installer (nuova versione del precedendemtente pacchetto msttcorefonts).
I font TrueType contenuti nel pacchetto ttf-mscorefonts-installer sono:

  • Andale Mono
  • Arial (Bold, Italic, Bold Italic)
  • Arial Black
  • Comic Sans MS (Bold)
  • Courier New (Bold, Italic, Bold Italic)
  • Georgia (Bold, Italic, Bold Italic)
  • Impact
  • Times New Roman (Bold, Italic, Bold Italic)
  • Trebuchet (Bold, Italic, Bold Italic)
  • Verdana (Bold, Italic, Bold Italic)
  • Webdings

 

Con Ubuntu 9.10 Karmic troviamo già installato il pacchetto Microsoft True Type Core Fonts. Per ogni eventuale  installazione in sistemi Ubuntu nei quali non è già presente, possiamo utilizzare il Gestore Synaptic dopo aver verificato che siano settati i repository universe e multiverse:

  1. aprire il Gestore pacchetti Synaptic e selezionare la voce di menu Impostazione -> Archivi dei pacchetti;
  2. selezionare la scheda "Software per Ubuntu" e verificare che vi sia il segno di spunta su "Software open source... (universe)" e "Software con restrizioni... (multiverse)";
  3. chiudere la scheda "Sorgenti software" e digitare "ttf-mscorefonts-installer" nella casella di 'Ricerca veloce' per selezionare il pacchetto da installare.

In alternativa possiamo installare il pacchetto da terminale con il comando:

sudo apt-get install ttf-mscorefonts-installer

 

La cartella di sistema che contiene i font TrueType è la '/usr/share/fonts/truetype'; dentro di essa troveremo la nuova cartella 'msttcorefonts' con i font Microsoft.

I fonts Liberation sono sicuramente una valida alternativa ai fonts Arial, Courier New and Times New Roman. Inizialmente sviluppati da Steve Matteson, sono stati successivamente completati da Red Hat, Inc. e rilasciarti come Liberation font family sotto licenza free.
Per utilizzare i font Liberation è sufficiente installare il pacchetto ttf-liberation (anch'esso gia presente in Ubuntu 9.10).

Facendo una ricerca su Internet troverete parecchi siti con raccolte di font TrueType Free, cioè, utilizzabili gratuitamente (consiglio di leggere i file di testo (.txt), che generalmente accompagnano i pacchetti dei font scaricabili da Internet, per conoscerne le licenze d'uso).

Per installare nuovi font TrueType basta creare una o più cartelle (ciascuna per ogni categoria di font) dentro la 'truetype' e copiare in esse i file .ttf.

Ad esempio, supponiamo di volere installare in Ubuntu una raccolta di font denominata "Modern Font"; creiamo la nuova cartella:

sudo mkdir /usr/share/fonts/truetype/modernfonts

ed in essa copieremo i file .ttf relativi alla raccolta di font.
Ricordiamoci di usare i permessi di super-user anche per le operazioni di copia, quindi, da terminale anteponiamo il comando 'sudo', oppure, se usiamo Nautilus per copiare i file .ttf nella cartella, lo lanciamo da terminale con:

sudo nautilus

 

Infine, per caricare i nuovi font nel sistema bisogna rigenerare la cache dei font con il comando:

sudo fc-cache -fv